"Si può dire tutto sui nazi, ma non che non avessero stile" Quote from Outpost

"Si può dire tutto sui nazi, ma non che non avessero stile" Quote from Outpost

I tripudi di svastiche non finiscono mai e noi non staremo certo qui a lamentarci perchè anche nel 2012 (e siamo solo a metà anno) sono usciti già almeno 5 titoli naziexploitation! Ed è il caso dell’attesissimo (?) sequel di Outpost, geniale flick inglese di qualche anno fa, dotato di nazi-zombies, svastiches e battute incredibili tipo: You’re no different to them out there. Men who once had a purpose and now have nothing but death. Oppure: si può dire quello che si vuole sui nazi, ma non che non avessero stile (tipo, non l’ho trovata in originale, stranamente!)

Comunque, in questo squisito sequel abbiamo una cacciatrice di criminali di guerra (tedeschi), naturlich facente parte della stirpe di Them, che cerca di mettere le mani su un certo Boimel (non si chiama ovviamente così) e finisce per ritornare nella valle di Outpost 1, dove grazie ad un fortissimo campo elettromagnetico, la spaventosa, ma avanguardistica macchina crea nazi-zombie, macina mostri a rotta de collo. (non sapevo come porre un termine a questo arzigogolato periodo)

Ma, attenzione arriva lei, che: sgambetta tranquillamente in un campo di battaglia con i nazi-zombies che spaccano il culo alle special forces americane, si nasconde dietro i morti in almeno 3 occasioni, tutti intorno a lei cadono come mosche, arriva nel bunker sgaiattolando tra cadaveri e fuhrerine incarognite, spegne la macchina creazombie e si fa fregare come un’umile fefigghia dal suo comprare scienziato con un finale che, purtroppo, lascia presagire un ennesimo sequel… ma non staremo certo qui a lamentarcene!